icon
icon
icon
icon

Territorio

Il Molise, una regione tutta da scoprire

Termoli è una cittadina che sorge sulla costa del Mare Adriatico in Molise, regione dal territorio incontaminato, in cui il mare e la montagna offrono ai visitatori  scenari di pace e tranquillità per le proprie vacanze. Molto poco distanti tra loro, il mare, la collina e la montagna offrono spunti per qualsiasi tipo di soggiorno. Questa regione vanta un mare dalle acque limpide, più volte premiato con la Bandiera Blu, numerosi  borghi medievali, siti archeologici (Altilia e Sepino), cattedrali, una cucina tradizionale dai sapori inconfondibili, montagne con stazioni sciistiche (Campitello Matese), colline verdeggianti e oasi naturali (Oasi naturale di Guardiaregia, Oasi Lipu di Casacalenda).

Un concentrato di natura, bellezza e tradizioni che ha conservato il fascino di una terra tutta da scoprire. Nonostante lo sviluppo delle attività industriali, questa regione resta caratterizzata da un’economia fondamentalmente agricola. La tradizione rurale fa sì che l’artigianato occupi ancora un posto predominante tra le attività del territorio e che l’amore per la buona tavola sia figlio dei sapori di una volta.

 

Termoli, un gioiellino sul mare…

Appena si arriva sul mare di Termoli, si è accolti da una splendida cartolina: è il Borgo antico. Cinto da mura che scivolano nelle acque blu che lo circondano, sorge a ridosso del mare, a guardia dei trabucchi. Imponente è il Castello Svevo, che fa da cornice maestosa allo splendido scenario che si presenta agli occhi del visitatore. E’ così che viene accolto chi sceglie di soggiornare da noi. La spiaggia si trova immediatamente sotto alle mura, quindi è  possibile ammirare questo panorama a tutte le ore del giorno e della notte.

In meno di un’ora è possibile raggiungere le Isole Tremiti. Dal Porto di Termoli infatti partono quotidianamente traghetti e aliscafi che conducono i turisti in queste splendide isole.

 

 

Le Isole Tremiti

Le Isole Tremiti si trovano a circa 12 miglia al largo del Gargano. E’ un piccolo arcipelago  costituito da 5 isole: San Nicola, San Domino, Il Cretaccio, Caprara e Pianosa. Le sue acque cristalline e il suo parco marino protetto attirano ogni anno migliaia di turisti e appassionati di immersioni.

San Nicola è il centro storico, religioso e amministrativo dell'arcipelago.  E’ considerata un museo a cielo aperto per via delle numerose tracce di un antico passato.

San Domino è il cuore verde dell’arcipelago.  In buona parte è formato da Pino d’Aleppo. Le acque sono limpide, la costa è frastagliata e ricca di cale e scogli. Mirabili sono lo scoglio dell'Elefante, che prende tale nome dalla forma che assume ed i Pagliai, monoliti a forma di piramide somiglianti a dei pagliai. Facendo il giro dell'arcipelago in barca si possono visitare numerose grotte, come la Grotta delle  Viole, la Grotta  del Bue Marino e la Grotta  delle Rondinelle.

Il Cretaccio è un isolotto piccolissimo, per di più un ammasso roccioso di colore giallo per la sua natura argillosa. Va pian piano scomparendo per le corrosioni incessanti degli agenti atmosferici e marini.

Caprara è un’isola che prende il nome dall'abbondanza dei capperi sul suo territorio. E' la seconda isola per estensione, ma oggi è totalmente disabitata. Un tempo vi viveva il guardiano del faro.

Pianosa dista circa 20 km chilometri dalle altre 4 isole costituenti l'arcipelago. Prende il suo nome dalla struttura pianeggiante. Dal 1989 è riserva naturale totale: vige il divieto di approdo e di navigazione entro i 500 mt, divieto assoluto di pesca e divieto di immersioni a meno che non accompagnati da guide subacquee autorizzate. Per via dei suoi fondali, l’isola riveste un'importanza strategica per la conservazione delle risorse marine: è un’area di estremo valore per numerosissime comunità di specie ittiche che qui, in uno dei pochi ambienti ancora incontaminati, trovano le condizioni adatte per alimentarsi e per riprodursi.